Resilienza Consapevole - Gratitudine e Abbondanza: un rapporto molto stretto

2020-03-21 10:06:26

In verità vi dico che la gratitudine è la chiave dell'abbondanza. Perché se siete riconoscenti, sicuramente sperimenterete un aumento di tutte le cose buone che sentite di meritare nella vita.

In verità vi dico che la gratitudine è la chiave dell'abbondanza. Perché se siete riconoscenti, sicuramente sperimenterete un aumento di tutte le cose buone che sentite di meritare nella vita.

La gratitudine non viene da un sentimento troppo bello per essere vero. 

Né deriva da sentimenti di mancanza e disperazione, tali da farvi dipendere da fattori esterni, come se il mondo vi dovesse qualcosa. 

La gratitudine viene da una realizzazione, da una corretta comprensione delle cose, che è profonda e vera come quella dell'amore materno per il proprio figlio.

La gratitudine non può essere falsificata o forzata.

Si può addestrare un bambino a dire "Grazie" quando gli viene dato qualcosa di buono, ma non si può fargli provare nel cuore sentimenti profondi di gratitudine e di apprezzamento.

Forse è per questo che le persone riconoscenti sono sempre state a corto di soldi. Mi riferisco alle persone veramente grate, non alle masse che professano la gratitudine solo con la lingua ma non la possiedono nel profondo del loro cuore. Tuttavia, come ogni altra tendenza, la vera gratitudine può essere lentamente e costantemente instillata in una persona attraverso l'osservazione e la pratica costante e diligente.

Come entra l'abbondanza nel quadro della gratitudine?

Per dare una strana ma vivida analogia, immaginate una persona che vive in un baccello buio, claustrofobico e quasi ermetico. Diciamo, per il gusto di questa analogia, che è in grado di vivere solo di aria. La sua unica fonte d'aria fluisce da piccoli fori quasi impercettibili che perforano la superficie della capsula. Questi fori portano anche un po' di luce nella sua capsula.

L'abbondanza è la quantità praticamente infinita di aria che esiste come plenum al di fuori della sua capsula.

La gratitudine è il foro che perfora la capsula, permettendo l'ingresso di un po' d'aria e di luce.

Mentre vive e respira nella capsula, è in grado di notare i piccoli buchi che l'hanno sostenuta per tutta la vita. Poiché ha prestato attenzione solo a un'area fissa di piccoli buchi, pensa che quelli siano gli unici buchi che esistono per nutrirla con l'aria necessaria, quando in realtà i piccoli buchi punteggiano l'intera superficie della capsula.

Ogni giorno vive una vita di lotta, costantemente ansimante e ansimante e ansimante per l'aria, punteggiata solo occasionalmente quando trova il coraggio e lo sforzo di posizionarsi vicino a un'area di buchi e di aspirare davvero l'aria dall'esterno della capsula.

Diciamo che non è probabile che soffra di asfissia perché è in grado di sopravvivere con una quantità minima di aria.

Un giorno sperimenta una svolta. Durante uno di quei rari momenti in cui ha la forza di aspirare veramente l'aria da uno dei fori della capsula, si accorge che la sua aspirazione ha causato l'espansione del foro e quindi la quantità d'aria che fluisce aumenta.

All'inizio, ignora questo fenomeno. Ma quando l'effetto si verifica per una seconda, e una terza volta, si propone di trasformare la sua ipotesi in un fatto. Ben presto scopre che ci sono in realtà più fori che punteggiano la superficie della capsula di quanto non si fosse resa conto, a causa dell'aumento della quantità di luce che entra a causa delle crescenti dimensioni del foro. Così sperimenta con gli altri fori che punteggiano la capsula, aspirando l'aria esterna con tutte le sue forze, fino a quando, alla fine, ha un paio di grandi buchi sulla capsula che portano una quantità davvero enorme di aria e di luce.

Giorno dopo giorno, continua questo suo nuovo sforzo di espansione del foro. Un giorno, a causa delle dimensioni crescenti dei fori e del numero di fori che si sono espansi, l'integrità strutturale della capsula, una volta solida, diminuisce, e scopre che può facilmente, quasi senza sforzo, strappare la capsula come se fosse fatta di carta - quindi, liberando finalmente se stessa e trascendendo in un intero nuovo mondo di abbondanza.

Per quanto bizzarra possa sembrare questa analogia, la maggior parte di noi vive come la ragazza nel baccello. Ci sono piccoli flussi di abbondanza che entrano nella nostra auto-imposta vita imprigionata. Tutto ciò che serve è la nostra consapevolezza di queste fonti di sostentamento e di abbondanza e di espandere la nostra consapevolezza di esse, aumentando così la nostra prosperità in tutti i settori della Vita.

Tutto è una risorsa. 

Ci siete seduti sopra o state trovando modi e mezzi per modellare questi beni in materiali che utilizzereste per progettare la vita dei vostri sogni?

Solo una piccola domanda per oggi. Riflettiamoci.

Elisa Maiorano Driussi

Accademia della Resilienza

Se non sei ancora iscritto alla newsletter ispirazionale della domenica, cosa aspetti a farlo?

Contenuti di valore e gratuiti per sviluppare la tua 

Resilienza Consapevole!

SCRIVIMI ATTRAVERSO QUESTO FORM!